sabato 13 gennaio 2018

Recensione: La musa della notte di Sara Simoni

Carissime lettrici oggi vi parliamo di "La musa della notte" nuovo romanzo self di Sara Simoni. Vediamo di cosa parla questo romanzo.

Titolo: La musa della notte
Autore: Sara Simoni
Editore: Self-Publishing
Genere: Urban Fantasy
Data Pubblicazione: 02 maggio 2017
Pagine: 310
Costo: 1,99€ ebook 9,35€ copertina flessibile
Gratis in abbonamento K.U

Serie: Trilogia La musa della notte
1- La musa della notte
1.5- I figli del sole spin-off maggio 2017
2- La cacciatrice di stelle novembre 2017
3- La ladra di sogni maggio 2018

Trama: 
In una Milano piena di incanto e di mistero, due fazioni sono impegnate in una lotta segreta da un tempo antichissimo: le streghe, donne dotate di terribili poteri magici, e i loro cacciatori naturali, gli inquisitori, uomini che di generazione in generazione si tramandano il compito di proteggere la popolazione dalla magia. Ma qualcosa comincia a cambiare quando nelle aule di un’università la strega Viviana e l’Inquisitore Arturo si incontrano come due normali studenti. L’attrazione è forte, ma né Viviana né Arturo possono dimenticare chi sono e da dove vengono.
“Ci vorrebbe tanta più forza di quella che noi abbiamo per non farci del male.” 

Biografia 
Sara Simoni è nata in Trentino-Alto Adige nel 1992 e vive da sempre in Lombardia. Si è laureata in Scienze dell’Antichità presso l’Università degli Studi di Milano e in Scienze e Tecniche della Comunicazione presso l’Università degli Studi dell’Insubria. Dal 2010 al 2015 ha frequentato i corsi di scrittura creativa di Raul Montanari a Milano. Ha pubblicato il primo romanzo, “Angeli artificiali”, nel 2010 per i tipi di Macchione editore (Varese), mentre nel 2014 è uscito per Giunti editore l’ebook “L’innocenza del serpente”, entrambi di genere noir. Ha ottenuto diversi riconoscimenti letterari. Tra questi, nel 2011 e nel 2014 è stata tra i semifinalisti del Premio Campiello Giovani, nel 2014 ha vinto il Premio Chiara Giovani e nel 2015 e nel 2016 si è classificata terza al concorso di narrativa fantastica Pagine Folk. Alcuni suoi racconti si possono leggere in riviste e antologie: nel 2015 il suo racconto “Mal di stelle” è stato pubblicato sulla celebre rivista Linus, per Baldini&Castoldi. Benché si sia dedicata spesso ad altri generi, la letteratura fantasy è il suo primo amore. E, come si suol dire, il primo amore non si scorda mai. 

Recensione: 
Ben ritrovate anche in questo nuovo anno mie Care Cercatrici. In una giornata di queste feste appena passate mi ha tenuto compagnia il nuovo libro di Sara Simoni, il primo volume di una trilogia fantasy su Streghe e Inquisitori ambientata a Milano nei giorni nostri. 

La storia è scritta in terza persona ma si alterna tra i pov di Viviana ed Arturo, i nostri protagonisti. Due giovani ragazzi universitari che dovranno mettere a dura prova e a rischio le loro vite. Purtroppo per loro nulla sarà facile perchè si troveranno a combattere nelle due fazioni opposte, l'uno contro l'altro. Potrà l'amore tra Strega e Inquisitore superare tutti gli ostacoli che la vita gli metterà davanti?!.. e quando si ritroveranno davanti ad una scelta, quale strada percorreranno?!...

"... C'è sempre una scelta più giusta da fare. Solo, a volte non è quella che vorremmo noi..."

Una storia molto carina con lo stile lineare e semplice che rende la lettura scorrevole, ti ritrovi a fine libro senza accorgertene. Non mancheranno i colpi di scena, usciranno allo scoperto verità scomode tenute segrete per troppo tempo e un finale che vi lascerà molto in sospeso ma facendo le mie ricerche ho visto che il secondo volume è già stato pubblicato ;-)
Io, sentimentale quale sono, tengo le parti per Viviana e Arturo perchè pagina dopo pagina, l'autrice è riuscita a conquistarmi con la loro semplicità. Due ragazzi che provano l'un l'altro un sentimento puro, veritiero e spero per loro in un lieto fine perché, nonostante il loro destino forse già segnato, spero che anche questa volta, l'Amore, quello vero e sincero, vinca su tutto e tutti... sarà così?!
L'unico appunto che mi permetto di fare all'autrice è che avrei dato più spazio al rapporto che li lega, una volta svelato i segreti e ciò che rappresentano per la società, ho trovato la narrazione troppo frettolosa, quasi volesse arrivare subito alla conclusione del libro, e in questo caso si è persa un pò di magia, magari è solo una mia impressione visto che si tratta del capitolo di apertura della storia.
Quindi non ci resta che acquistare il secondo volume e vedere come evolveranno i nostri proganisti. Piccola chicca, il secondo volume sarà narrato da una coppia che troviamo anche qui, ma lasciata in secondo piano, Miriam e Leandro. Cosa si prospetterà anche per loro?!

Alla prossima lettura!!

Elena Bellini
LCDL

Nessun commento:

Posta un commento